Bullet Bra

Gli anni ’50 sono legati indissolubilmente all’immagine di una silouhette femminile, con un’elegante gonna sotto al ginocchio e un maglioncino aderente, che lascia intravedere le sue forme sensuali e…appuntite!!

Le forme di queste ragazze, dette Sweater Girl,  hanno caratterizzato un’epoca, e sono dovute ad un particolare tipo di reggiseno chiamato bullet bra, reggiseno a proiettile (o anche torpedo e cone bra).

Il bullet bra fu inventato negli anni ’40, ma raggiunse il culmione della popolarità, quando cominciarono ad indossarlo anche stelle di Hollywood del calibro di Marylin Monroe, Jane Russell e Lana Turner.

Il suo nome “bellico” (d’altronde era appena finita la II Guerra Mondiale) si crede sia dovuto al fatto che somigliasse al muso di un aereo. Il bullet bra veniva prodotto con i nuovi materiali sul mercato, tipo nylon e satin, leggeri e comodi, oltre che facili da lavare, ed era fatto in modo da sostenere bene il seno, accentuandone l’assetto in ogni donna.
Molto spesso, le donne stiravano i reggiseni così da ottenere curve perfette, e riempivano le punte, che altrimenti sarebbero rimaste vuote, con degli speciali cuscinetti sagomati.

Negli anni ’60 si continuò ad usarli per un po’, ma nei ’70 ci fu una rivoluzione nel modo di vedere delle donne, che pensavano a tutta la lingerie dell’epoca precedente come costrittiva e innaturale, e così il bullet bra scese in popolarità e sparì quasi del tutto.

A Londra cercherò di comprarne uno per me in uno dei negozi che vende le più belle riproduzioni di lingerie d’epoca: What Katie Did, su Portobello Road.

If you think of a girl’s 50s silouhette, you may imagine her in a long skirt and a sweater, under which her forms will appear sensually and…pointy!!!

The silouhette of these girls, called “Sweater Girl” for a clear reason, was a definitive part of the culture of the era, and was created by a particular type of bra: the bullet bra, also called torpedo or cone bra.

Bullet bras first made their appearance in the 1940s and rose to popularity when Hollywood stars, including Marilyn Monroe, Jane Russell, and Lana Turner, began sporting one.
Its name, connected to wartime terminology, is maybe dued to the silouhette it created, reminiscent of an airplane nose (remember that WWII was still in the air).

The bullet bra was typically created from that era new material such as nylon and satin, which were light, confortable and easy to wash. Bras of that era, void of padding or underwire, were constructed to provide exceptional support that gave a good asset to every women’s breast. Women oftentimes ironed their bra to ensure a smooth profile, and some even put a little extra stuffing in the points to properly fill it out.

Styles change, and the bullet bra soon fell out of fashion by the late 1960s. The 1970s also saw a change in many women’s perception of undergarments: the focus shifted to comfort and a more natural look and the bullet bra soon faded from popularity.

When I’ll be in London I will buy one for me at What Katie Did Shop, in Portobello Road!

See you soon,
alla prossima,
swing bunny.

Tags: , , ,

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

One Response to “Bullet Bra”

  1. [...] quanto riguarda il seno ”a punta”, ho già appurato come il reggiseno giusto sia essenziale. E per il resto? Credete che un vitino da vespa sia un diritto di nascita? Bè, [...]

Leave a Reply