Tutto (o quasi) merito di biancheria intima

Quante volte, guardando le dive dell’epoca in tv, ho invidiato le loro forme perfette!

Per quanto riguarda il seno ”a punta”, ho già appurato come il reggiseno giusto sia essenziale. E per il resto?
Credete che un vitino da vespa sia un diritto di nascita? Bè, sicuramente c’è chi ha naturalmente una vita più sottile, ma in tutti i modi la classica forma “a clessidra” si acquisisce anche usando la giusta biancheria intima!

L’uso quotidiano di un corsetto fin da ragazza, per esempio, modifica il corpo, cambiandone la conformazione, ma non è solo del corsetto che sto parlando, che comunque non era più così di moda già negli anni ’20, mi riferisco soprattutto ad altri “strumenti di tortura”, usati dalle nostre nonne per avere un look impeccabile.

Questi indumenti modellanti in inglese sono conosciuti come foundation garment o shapewear e sono disegnati in modo tale da plasmare temporaneamente le fattezze del corpo, per ottenere una silouhette alla moda.
La funzione di questi capi intimi, quindi, non è quella di evidenziare certe parti del corpo, così come possono fare ad esempio i reggiseni push up, ma di controllare e modificarne la figura.

Tra gli elementi indispensabili per lo scopo vi sono: le waist cicher o waspie (in francese guepiere, che, come waspie, prende il nome dalla vespa e dal suo rinomato vitino ;-) ) , che servono a modellare la vita e renderla più sottile.

Questo è quella che ho preso io da What Katie Did a Londra.

Ma siccome vorrei usarla anche senza calze devo trovare il modo di staccarci i ganci e fare un occhiello, in modo da poter usare ganci rimovibili, da poter togliere o mettere a piacimento!

Ne avevo presa anche una più corta, ma mi sono accorta che la taglia è troppo grande e quindi non fa a dovere il suo lavoro :-( !

Altro elemento di intimo modellante che sembra sia apprezzato da molte vintage blogger è il longline bra, ossia un reggiseno con la fascia più ampia, che prosegue lungo il busto.

Ne ho trovati di carini su alcuni siti online inglesi, ma queste cose, vista la costrizione che danno al proprio corpo, sarebbe sempre meglio provarle, prima di prenderle…

In alternativa si può sempre andare in una merceria ben fornita e farsi tirar fuori delle guaine (ecco il nome giusto in italiano, che comprende vari tipi di lingerie modellante!!), son sicura che da noi si trova qualcosa di adatto e credo che, anche se fino a non molto tempo fa, pensavo che fosse roba più adatta alle nonne che a me, adesso la vedo in maniera totalmente diversa ;-) !

If you don’t have a natural small waistline giving you the shape of Hollywood stars of the Era, you don’t have to give up: the secret is to use the right underwear, like our grandmothers use to do to obtain the classic hourglass shape!

The use of a corset since you were a young girl, of course, modified women’s body, but I’m not talking about this, as it was out of fashion since ’20s.
I’m talking about what we call foundation garments or shapewear, designed to temporarily alter the wearer’s body shape, to achieve a more fashionable figure. The function of a foundation garment is not to enhance a bodily feature (as would, for example, a padded bra) but to smooth or control the display of one.

One of these is the waist cincher, or waspie, that can reduce your waist and give you a perfecrt hourglass silouhette. I bought one from What Katie Did (picture above), but it has not detachable suspenders for stockings, but as I don’t  use  them so much, I have to cut them and try to make suspender’s loop, so that  I can use it with or without them!
I also bought a shorter one, but I don’t know why it is somehow larger and it’s not doing a good job with my waist line :-( !

Another foundation garment that many vintage bloggers find useful and confortable is the longline bra, but I never tryed one.
I found some pretty ones in some British online store, but some girls suggest that it’s better to try them on to understand if it fits and if you’re confortable in it…
I will try to go in a good haberdasher’s shop: here in Rome they also sell some underwear and I’m sure they could have some foundation garments. Until not long ago I thought they were grandma’s stuff…now I’m seeing these things with very different eyes ;-) !

See you soon,
alla prossima,
swingbunny.

Tags: , , , , ,

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Leave a Reply